domenica 6 settembre 2009

Feltri, Boffo, Gasparri. Ed Ezio Mauro?

Un commento per tutti:
Ma la storia di Ezio Mauro e del pagamento in nero del superattico?
Vecchia, scritta da Franco Bechis di Italia Oggi e Libero, vecchia ma gradita.
Vediamo se Ezio Mauro risponde alle 10 domande fatte da Feltri su il Giornale.
Con tutte le differenze tra Berlusconi e il direttore di Repubblica, differenze di carica e di guai, ma per correttezza dovrebbe dare delucidazioni.

Feltri: Si si, è vero, ha fatto tutto questo solo per difendere Berlusconi da chi si occupa di questa specie di "questione morale"; ma questa volta sto con Feltri, non che lui sia un bravo giornalista, ma come agitatore è perfetto. Tira fuori un po' di roba vecchia, ma la tira fuori con una cura...la riassetta e poi la mette giù come neanche i mercanti migliori, e bene anche su Gianni Agnelli, primo perché come con Ezio Mauro e Boffo bisogna mostrare cosa è successo a dei personaggi pubblici così influenti, e poi perché smontare la figura di Agnelli è sacrosanto, sarà stato anche un personaggio importante e positivo, ma come si può dimenticare tutto sia sul piano personale che su quello industriale-economico? Basta con questo Agnelli-santino da tenere nella tasca della giacca.

Boffo: Che si può dire? Un condannato per molestie che fa le pulci sulla moralità legata al sesso ed alla famiglia è difficile da difendere, Feltri ha ragione, come con Ezio Mauro, fate le pulci? Io le faccio a voi. Poi sarebbe bello vedere Feltri, Boffo, Ezio Mauro ed altri fare le pulci ai loro politici di riferimento, ma per ora ci accontentiamo di questa macelleria dato che in Italia di giornalismo vero non se ne può pretendere, quindi tutti ai ripari, che bisogna difendersi, ma da cosa? Da cosa doveva difendersi Boffo? Sicuramente non doveva impegnarsi molto nel nascondere una condanna per molestie. Lo sapevano tutti nell'ambiente giornalistico, ma nessuno ne parlava, l'unico che aveva accennato qualcosa era stato Adinolfi un anno dopo la condanna. Nessuno ha ripreso la notizia, un anno dopo ancora è Nuova Agenzia Radicale a riprovarci e nulla ancora. Poi a gennaio 2008 è Panorama, e poi 5 anni dopo la condanna è Feltri a rilanciarla, e non sarebbe successo nulla se alla storia della condanna Feltri non avesse aggiunto che Boffo è ricchione e se la faceva con il marito della vittima delle molestie in un imbarazzante intreccio di sodomia ed acidità gaia. Capito? Boffo si è dimesso solo ed unicamente in quanto sputtanato perché omosessuale.



Gasparri: Il presidente dei senatori del Pdl Maurizio Gasparri si dice dispiaciuto per Boffo ma poi aggiunge che siamo in un clima che è stato innescato dalle aggressioni del gruppo l’Espresso-Repubblica che ha alimentato questo batti e ribatti fino alle sue dimissioni.
A Gaspà...ma Feltri? A nun centra gnente!? Ah si ho capito, vai Maurizio! Vai! Grande! Sei intelligente! Si Maury! Si dai Maury dico davvero sei intelligente... si giuro! No giuro, Come? Le mani? le mani? incro che? incrociando le dita...guarda qui le mani, ecco ora ti faccio un applauso, anche tu la prossima volta, quando dici una cosa intelligente come questa ti devi fare un applauso da solo, se non credi tu in te stesso nessuno crederà in te, devi essere tu per primo, forza dai.
E FU COSì CHE GASPARRI ENTRò NEL GUINNESS DEI PRIMATI (BATTENDO GENTE DI SPESSORE COME LUI, e LUI, ma anche LUI, e pure LUI) GRAZIE ALLE SUE PENSATE CHE ERANO IN GRADO DI DARGLI ENTUSIASMO GIOIA ED A VOLTE ANCHE ECCITAZIONE.

ps: Hey GaspaClapper, attento a questo che è pieno di entusiasmo, ed a questo perché gioca sporco, stai all'occhio Maury. Peace.

Iscrivetevi alla pagina Facebook per rimanere aggiornati ed avere contenuti extra. Instagram e Tumblr se preferite le figure, Youtube per i video, e qui se volete delle rubriche veramente strane.
Se non ti iscrivi, un Gasparri piccolino
vivrà sul tuo comodino
e ti sveglierà applaudendo ogni mattino.

Nessun commento:

Posta un commento

Dimmelo