mercoledì 12 maggio 2010

La Virza alle prese con i giovani d’oggi: tra realtà effimere e sogni concreti


La mia amica Virza intervista Fabio.

Come ti chiami, la tua età e.. ti ritieni brutto o bello?
«Mi chiamo Fabio, ne ho ventotto, ne dimostro tredici, e segni particolari bellissimo, come Celentano. Non me ne frega niente che suoni pagliaccioso. Ho sempre sognato di dirlo».

Ti sei mai messo la testa di un pesce spada in testa? Che sensazione si prova?
«Assolutamente sì. Sensazione? La liberazione verso l’elemento pelagico, la vicinanza a Nemo, al Capitano Akhab e al Capitan Nemo del Nautilus e a molti incogniti affogati. Oppure disruption contro l’ordine costituito che ci vuole tutti uguali. Oppure avere capito tutto della vita. Tuttavia l’unica sensazione che ricordo, oltre al ronzio della mosca a cui avevo tolto il pranzo, é una puzza infame di Vucciria e il proprietario della pescheria che diceva “Aaa. Chist’ del nord”».

Passiamo alle domande. Come sbarchi il lunario? Pornostar o scaricatore?
«Scaricatore...niente di più azzeccato. Lavoro per la multinazionale che possiede la maggior parte dei porti commerciali, terminals, navi porta-container. Gestisco l’importazione qui in Spagna per grandi transitari internazionali. Navi e container refrigerati pieni di coca. Realtà divertente e dinamica, anche se di coca...neanche un tester per noi. Devo dire che la carriera di porno attore mi ha sempre tentato...però sono assolutamente cosciente di non avere i requisiti pisellici. Inoltre ho paura delle cerette».


Altre domande ed altre foto.
Come conquisti una ragazza? C’è distinzione se lei ha le tette grosse o piccole?
«Sono assolutamente per le tette piccole. Sono stato allattato fino ai miei tredici mesi. Quindi, come supponeva Freud, sono piú per tette piccole e sedere a forma di cuore, mentre le tette grandi cadono prima e stancano. “Il seno perfetto stá in una coppa di champagne” diceva mia mamma a mia sorella quando si sentiva poco procace. Come le conquisto? Sembra da menoso...però è così, la maggior parte delle ragazze ha preso l’iniziativa».  


Cosa fai per mantenerti in forma? Sesso droga e rock ‘n’ roll o vita sana in corpore sano? Se mi rispondi anche tu con una frase fatta hai vinto un peperone.
«Dieta sana. Facevo pesi, ma adesso non ho tempo per niente, infatti, sono ingrassato. Cerco di non mangiare il cibo spagnolo perché va contro la salute: o é fritto, o ha cinque uova dentro, o grasso animale, solitamente un pezzetto bianco che galleggia nella tua zuppa...restare in forma grazie a una dieta di sesso e droga...prima o poi da problemi da altre parti. Lasciato da tanto».

Al volo.. dicci la ricetta ... mmm vediamo … del tiramisù. Come si fa il tiramisù? Sappi che anche questa domanda non è casuale: le donne vanno pazze per l’uomo che cucina. Quindi, attento.
«A chi credi di far domande? Sono più per il salato, quasi mai cucino dolci. Però questo è facile. Mascarpone, savoiardi pucciati nel caffè, cioccolato, uova, zucchero. Da quando vivo qui in Spagna l’ho fatto un paio di volte aggiungendo, tra uno strato e l’altro, dulce de leche argentino, una specie di latte condensato superconcentrato. Vincente».

Meta consigliata per un viaggio a due? Se sei banale il tuo livello di figosità scenderà sotto la sufficienza.
«Istambul. Senza neanche pensare un secondo se è meglio o peggio di Parigi. Sicuramente Parigi è più grande, nel senso di grandeur...però Istambul ti fa amare di più la persona che hai scelto».


Mettere un accappatoio a un cane fa di te…?
«Un idiota. Però quel classico idiota simpatico che non fa male a nessuno, quello che neanche la mamma ha il coraggio di dirti di non frequentare. Al tempo stesso fa del cane un ficone da paura. Accappatoio da geisha rosa. Certo che Danno sa scherzare con la sua sessualità e questo piace al gentil sesso».

Quante cose sai fare con i piedi?
«Mmm. Domanda difficile. Camminare è scontato. So stupire! Davvero, credo di avere i piedi più brutti a nord del Nilo. Praticamente come quelli dello hobbit Frodo, peli e tutto. L’ultima ragazza che li ha visti mi ha chiesto se avevo parentele con un diplodoco».  

Faccio Marzullo: si faccia una domanda e si risponda. E non fare come Miss Italia che dopo qualche secondo di silenzio ha risposto: “Fatto!”. «No no, io son già fattissimo prima di pormi la domanda! Domanda: Cosa farò da grande? Risposta: Continuerò a sbagliare per quello che credo, a rialzarmi dopo l’errore e a commetterlo di nuovo, a lasciare che la vita mi insegni che devo essere più spietato e infine a rialzarmi angelo, a vedere che tutte le mie idee si scontrano contro una granitica realtà senza cuore, e a metter cuore anche per gli altri...Ama, et fac quod vis».



Iscrivetevi alla pagina Facebook per avere contenuti extra e rimanere aggiornati. Su Youtube spiego in modo semplice cose complicate, giuro. Su Instagram ho un atlante liquido simmetrico e se non avete idea di cosa sia va bene così, neanche io lo so. Seguite qui tutti i miei progetti (se vi annoiate ci sono tante foto strane in bianco e nero). Se non ti iscrivi non vinci l'accappatoio rosa.

Nessun commento:

Posta un commento

Dimmelo